Sostenibilità Nutrizionale: la Nuova Sfida Per Il Mondo Food Lanciata da Chiara Manzi

Le aziende, alimentari e non, negli ultimi anni si stanno impegnando sempre di più nei confronti dell’ambiente. Ridurre le emissioni, riciclare, migliorare il benessere degli animali e degli allevamenti sono i concetti chiave di una rivoluzione epocale che coinvolge ogni ambito delle nostre vite. Ma chi pensa alla nostra salute?

Le abitudini alimentari sbagliate e gli eccessi sono i primi imputati della grande e temibile pandemia dell’obesità. Pur vivendo nel Paese simbolo della dieta Mediterranea e del buon cibo, troppe persone – di cui molti bambini- rischiano o vivono già in uno stato di sovrappeso e obesità.

Durante la conferenza “Innovare o decrescere? Quale strada imboccare per la sostenibilità alimentare?” tenuta da Università di Parma e Le Village, la dott.ssa Chiara Manzi ha aperto gli occhi dei presenti sulle nuove frontiere del nutrirsi e vivere al meglio.

“È impossibile svincolare la salute del pianeta da quella di chi lo abita. Proprio come ci adoperiamo per preservare la biodiversità vegetale e animale, dobbiamo preservare la specie umana. Partendo da quello che ci nutre e ci permette il sostentamento.”

Un problema clinico come l’obesità si tramuta in una criticità sociale ed economica, che mette a repentaglio le aspettative di vita, soprattutto nei Paesi sviluppati. Basti pensare che a causa di abitudini alimentari sbagliate e inquinamento l’aspettativa di vita in media si è già abbassata negli Stati Uniti e dei segnali in negativo si stanno notando anche in Europa. Complice la mortalità del Covid-19, di cui ancora una volta l’incidenza di sintomi gravi è riconducibile – in molti casi- a un’alimentazione scorretta.

Parlare di sostenibilità a 360 gradi non è semplice. Albino Ganapini, premiato ad honorem dall’Università di Parma e consigliere personale di Pietro Barilla, nel suo discorso di ringraziamento ha acceso i riflettori sulla sostenibilità nutrizionale, portando l’attenzione verso aspetti ancora troppo sottovalutati dall’interesse dei mercati.

“Oggi giorno troppe persone non acquistano prodotti ricchi di sale, grassi e zuccheri, per preservare la propria salute o per curarsi dai danni che questi eccessi possono creare- spiega la nutrizionista- La nuova sfida per le industrie alimentari è di riuscire a produrre cibi buoni per la salute, e non solo per il palato. Nutrirci nel modo corretto diventa una prerogativa per stare bene e scongiurare pericolose malattie come tumori, diabete, problemi cardiovascolari e neurologici. La soluzione esiste: unire le conoscenze scientifiche con le capacità culinarie e le eccellenze, tipicamente Italiane, per vincere l’insostenibile problema dell’obesità.”

La soluzione esiste!

Abbandonando il pensiero che per dimagrire sia necessario soffrire e star male psicologicamente, il metodo scientifico di Antiaging Italian Food mette in risalto le eccellenze Made in Italy, senza esclusione di alcun alimento.

Preservare al meglio i benefici nutrienti (vitamine e antiossidanti in primis) che la Terra ci offre diventa possibile solo applicando le giuste trasformazioni all’alta cucina, come insegna la Culinary Nutrition; di cui la stessa Chiara Manzi è massima esperta in Europa.

Stress post-prandiale, aumento di sistema ossidante e invecchiamento cellulare sono i presupposti per l’insorgenza di molte patologie. Il dimagrimento fine a sé stesso perde valore e ci fa perdere punti salute, è doveroso sviluppare un sistema antiossidante nel nostro organismo” mette in guardia la dottoressa.

La grande sfida che aspetta l’alimentazione di domani sta ponendo le basi proprio in questi anni. Si è scoperto come sostituire il sale con sostanze naturali, ridurre i grassi senza modificare consistenza e sapore, grazie fibre prebiotiche a 0 calorie con effetti benefici per la flora intestinale e tutto l’organismo. In preparazioni con meno sale e meno zucchero, per far emergere il sapore dell’eccellenza.

Le possibilità sono infinite, con la scienza che varca le porte della cucina, l’impossibile diventa reale e BuonodaVivere!

0

Lascia un commento