Crackers Evolution: uno snack in evoluzione

Un nuovissimo prodotto sta per arrivare negli scaffali dello Shop di Cucina Evolution e nella tua dispensa: i Crackers Evolution!

In questo articolo ti sveleremo in anteprima la storia di questo prodotto, com’è nato e quali sono i benefici nutrizionali che può donare.

L’idea è nata dall’incontro della Dott.ssa Chiara Manzi con il Dott. Alessandro Ciocia, laureato in Scienze dell’Alimentazione presso l’Università di Firenze, il quale ha frequentato il Master professionale in Culinary Nutrition e Cucina Antiaging della nostra Accademia.

Nella Tesi Finale del Master, il dottor Alessandro ha deciso di riformulare uno degli snack più comuni dei nostri spuntini: i crackers.

Successivamente, la Dott.ssa Chiara ha applicato alcune migliorie per rendere il prodotto perfetto, equilibrato e garantirgli la Certificazione Cucina Evolution.

L’obiettivo iniziale è stato quello di modificare e migliorare in termini nutrizionali questo prodotto da forno che, anche se non appartiene alla tradizione Mediterranea, oramai fa parte dei consumi abituali degli italiani.

Ma come nascono i cracker?

I cracker sono un biscotto salato asciutto, sottile e croccante derivato dalla galletta militare propria dell’alimentazione degli antichi marinai.

Sono consumati come spuntini da soli oppure come sostituti del pane in accompagnamento a varie pietanze come salumi, formaggi, carne, verdure.

I crackers sono stati inventati nel 1792 da Theodore Pearson in Massachusetts (USA) che sperimentò un impasto di sola acqua, farina e sale per creare dei biscotti di lunga conservazione che fossero utili e funzionali per i marinai e i soldati americani durante i loro lunghi viaggi.

Il primo nome che fu dato a questi biscotti fu “pilot-bread“, ma nel tempo si impose il termine “cracker” usato comunemente da chi li mangiava poiché masticandoli facevano “crack” in bocca, grazie alla loro friabilità.

I crackers hanno la peculiarità di avere dei piccoli buchi in superficie, chiamati in inglese “docking holes”, cioè “buchi d’ormeggio”, realizzati con uno speciale utensile, il roller docker, composto da un manico e un rullo di plastica circondato da sottili pungiglioni e che viene passato sopra la sfoglia dei crackers prima della cottura.

La funzione di questo roller è quella di impedire che si formino bolle d’aria nell’impasto.

Dalla ricetta originale che prevedeva solo acqua, sale e farina, sono stati aggiunti altri ingredienti come l’olio di oliva, il lievito, il malto d’orzo e purtroppo tanti grassi di qualità non eccelsa (quasi sempre oli vegetali, difficilmente olio extravergine) e quantità di sale spesso elevate (Andrea T. 2018).

Aspetti nutrizionali e vantaggi produttivi

Nel tentativo di comprendere la situazione in termini nutrizionali di crackers prodotti da diverse marche, il dott. Ciocia ha analizzato l’Open Food Facts, un database contenente informazioni nutrizionali relative agli ingredienti di moltissimi alimenti.

Inoltre, questo database classifica gli alimenti in funzione del Nutri-Score un’etichetta a semaforo che posiziona gli alimenti in una scala da A (alimenti migliori) ad E (alimenti peggiori) in base alle loro caratteristiche nutritive.

Tralasciando la discussione sui dubbi che sussistono (soprattutto in Italia) sulle applicazioni di tale classificazione, per agevolare i lavori, ha basato la sua analisi su alcuni crackers risultati in categoria C (intermedia) e dei prodotti presenti in categoria A (categoria migliore).

Dall’analisi è emerso come i crackers Evolution possano tranquillamente reggere il confronto sia con i prodotti in categoria C sia con quelli in A.

Ma i veri vantaggi nutrizionali del prodotto risiedono nella sua formulazione

I crackers Evolution sono stati realizzati con farina di frumento “0”, farina di frumento integrale, olio extravergine di oliva, l’inulina, lievito naturale in polvere, sale iodato e cloruro di potassio.

Sono a ridotto contenuto di grassi, a basso contenuto di grassi saturi e di sale, aiutano a mantenere i livelli normali di colesterolo nel sangue e sono ad alto contenuto di fibre.

La presenza di fibre è dovuta sia alla farina integrale, ma anche alla presenza di inulina, una fibra solubile che si ricava dalla radice della cicoria, che è un validissimo alleato della flora batteria intestinale e permette di modulare l’ assorbimento di nutrienti, causando una riduzione dell’apporto calorico della preparazione.

Altro beneficio riguarda la totale assenza di sale da cucina del prodotto, tale mancanza viene colmata dall’aggiunta di cloruro di potassio, un sale molto simile al cloruro di sodio in termini di sapidità, ma con la differenza di avere il potassio al posto del sodio.

L’assenza di sale da cucina in questo prodotto, può essere molto utile per le persone che soffrono di pressione alta e che quindi ridurre le quantità di sodio della dieta.

Infine, oltre ai già discussi aspetti nutrizionali, questi crackers si differenziano anche per la loro semplicità produttiva, infatti, non essendo necessari particolari strumenti sono tranquillamente riproducibili anche all’interno delle mura domestiche.

Crackers Evolution: una preparazione versatile

I crackers Evolution sono particolarmente versatili, infatti, possono essere utilizzati come sostituti del pane in abbinamento a secondi piatti, oppure, possono essere utilizzati come validi snack abbinati ad altri alimenti.

Un’aperitivo semplice, gustoso che può essere abbinato a verdura fresca e salse Evolution e che ci regala: fibre solubili ed insolubili, vitamine, sali minerali ed antiossidanti.

Anche in letteratura sono presenti numerose evidenze che sanciscono come uno spuntino, se effettuato con i giusti alimenti, possa essere un’ ottimo modo per introdurre nel’ organismo nutrienti positivi e avvicinarsi al raggiungimento dei consumi raccomandati.

Inoltre, consumare 1-2 snack al giorno può ridurre il sovraccarico digestivo e metabolico causato da pasti molto abbondanti dovuti ad una non corretta frequenza dei pasti, soprattutto la sera (Marangoni F et al. 2019).

Tali combinazione sono utilizzabili, sia come snack, ma anche come aperitivo di benvenuto in un ristorante.

Tra pochissimi giorni i crackers Evolution saranno disponibili sul nostro Shop in tre varianti uniche e gustose tutte da scoprire!

Estratto dalla Tesi del Master in Culinary Nutrition e Cucina Antiaging del Dott. Alessandro CiociaCucina Evolution Academy.

Leave a comment