Master in Culinary Nutrition: la scelta dei nutrizionisti

Ogni nutrizionista sa che spesso le persone sovrappeso o obese eccedono nell’alimentazione perché nel cibo trovano una gratificazione importante.

Proporre a queste persone un regime troppo privativo rende estremamente difficile ottenere risultati duraturi nel tempo. Il rischio dell’abbuffata da stress è sempre dietro l’angolo e vanifica giorni di sforzi e disciplina.

Ecco perché è importante, per un nutrizionista, avere una formazione adeguata per poter proporre ai propri pazienti piatti gustosi, oltre che nutrizionalmente bilanciati.

L’importanza di proporre ricette sane e gustose nel piano alimentare

Sempre più spesso l’idea di mettersi a dieta è associata ad emozioni negative dovute sia al doversi privare dei propri cibi preferiti, sia alla necessità di ridurre la propria vita sociale per non cadere in tentazione.

Se è difficile uscire a cena quando si segue un regime alimentare privativo, è forse ancor più difficile invitare parenti e amici a casa e far loro mangiare piatti dietetici, ricette ipocaloriche spesso insipide e tristi.

Risulta quindi evidente che la difficoltà che incontra il nutrizionista non è legata alla creazione di un menù dietetico, quanto alla necessità di far felice il proprio paziente, per vederlo ottenere i risultati sperati senza rinunce eccessive e privazioni insostenibili nel lungo periodo.

I libri e internet sono pieni di ricette per dimagrire, il problema è che troppo spesso sono poco allettanti.

Il Master in Culinary Nutrition e lo studio dei principi alla base di Cucina Evolution permettono al nutrizionista di proporre ricette sane, piatti leggeri che siano soprattutto gustosi e che rispecchino la cultura gastronomica italiana, in altre parole che incontrino le preferenze alimentari dei clienti e non stravolgano eccessivamente le loro abitudini.

La rivisitazione in chiave antiaging dei piatti della tradizione, insegnata a tutti i partecipanti del Master, passa dalle cucine in cui, con l’aiuto di chef stellati e pasticceri, verranno realizzate ricette sane e gustose.

Una vera dieta light non è privativa, è buonissima!

I regimi alimentari speciali: la dieta per diabetici

Sempre compito del nutrizionista è l’educazione alimentare della persona con patologie che richiedono un rapporto ben disciplinato con il cibo.

Se la persona sovrappeso può anche concedersi di interrompere una dieta, per riprenderla in seguito, la persona affetta da una patologia come il diabete ha certamente meno libertà.

È di fondamentale importanza che la dieta per diabetici sia buona, gustosa, inclusiva, perché è una dieta che deve essere seguita per tutta la vita.

Focus di ogni pasto è l’indice glicemico, che deve essere mantenuto entro determinati limiti con le corrette scelte alimentari.

La realizzazione di un menù per diabetici con solo alimenti a basso indice glicemico, purtroppo, è ancora la strada seguita da molti nutrizionisti.

Grazie alle nozioni apprese durante il Master in Culinary Nutrition, invece, si può invertire la rotta, riformulando ricette per diabetici a partire dai piatti più amati della tradizione gastronomica italiana, creando una dieta per diabetici che possa includere anche primi piatti e dolci, e non soltanto tristi cibi per diabetici.

Con il giusto dolcificante e la giusta quantità di fibre, anche una fetta di torta può essere inserita in una dieta a basso indice glicemico!

L’indice glicemico degli alimenti non tiene conto delle combinazioni alimentari, dei metodi di cottura, delle quantità, che invece sono punti fondamentali all’interno di un’alimentazione corretta come indicato dal metodo More&Less di Cucina Evolution.

Anche per i nutrizionisti interessati ad occuparsi di pazienti con regimi alimentari speciali, quindi, il Master in Culinary Nutrition offre un’impareggiabile possibilità di crescita professionale che si tramuterà in clienti soddisfatti, felici e grati al proprio nutrizionista per tutta la vita.

Per avere più informazioni su Cucina Evolution e sul Master in Culinary Nutrition

Leave a comment