Medici in Cucina a scuola di Carbonara Evolution

Università di Ferrara 4-5 Giugno 2019

 

Cosa ci fa un piatto di Carbonara nelle aule della Facoltà di Medicina dell’Università di Ferrara?

Oggi e domani gli studenti della facoltà di Medicina e Chirurgia iniziano il corso pratico di Medicina  Culinaria, tenuto dalla dott.ssa Chiara Manzi, nutrizionista fondatrice dell’Accademia Europea di Nutrizione Culinaria, e dai cuochi specializzati in Culinary Nutrition e Cucina Antiaging presso Cucina Evolution Academy.

Una delle prime cause di mortalità al mondo è la scorretta alimentazione, si sa, ma le diete sono tristi, piene di rinunce, ci costringono ad una vita sociale sacrificata e a stati d’animo che vanno dalla frustrazione ai sensi di colpa.

Oggi i medici del futuro impareranno che vivere a lungo in gran forma senza diete restrittive SI PUO’ e cucineranno insieme alla dott.ssa Chiara Manzi e ai Cuochi Evolution Simone Lugoboni  una carbonara che ha più fibre, molecole bioattive e prebiotici, ma meno calorie di 100 g di riso in bianco e un tortino al cioccolato con cuore morbido che ha meno zucchero e più fibra di una mela.

Come è possibile? Questo miracolo si chiama Cucina Evolution. Sostituire le diete con golosi piani alimentari si può studiando la Nutrizione Culinaria la scienza della nutrizione applicata alla cucina che studia come abbinare, cucinare e dosare gli ingredienti per creare piatti belli, buoni e ricchi di benessere.

Un medico oggi ha l’obbligo di informarsi e di conoscere le basi della Culinary Nutrition, per diffondere salute, intesa come benessere psicofisico della persona.

Ma cosa intende la ricerca per alimentazione squilibrata? Cosa è importante mettere nel piatto per aumentare la durata e la qualità della nostra vita?

Queste e molte altre informazioni verranno apprese nel corso di Medicina Culinaria dai ragazzi della Facoltà di Chirurgia e Medicina di Ferrara, grazie alla presenza in aula della dott.ssa Chiara Manzi, nutrizionista e massima esperta di Nutrizione Culinaria e Cucina Antiaging.

In questi giorni i giovani medici impareranno le basi della Culinary Nutrition, scoprendo come grazie alla riformulazione delle ricette della tradizione italiana è possibile abbassare il colesterolo e ridurre la glicemia dei loro futuri pazienti.

Inutile eliminare carboidrati, latticini e dolci dalla nostra alimentazione, la chiave di volta sta nel cambiare la mentalità dei futuri pazienti che potranno mangiare con le dovute attenzioni tutto ciò di cui hanno voglia, dai fritti ai dolci passando per la carbonara, realizzata secondo indicazioni tecniche e scientifiche studiate dalla dott.ssa Chiara Manzi in Cucina Evolution Academy, la sua Accademia di Nutrizione Culinaria e Cucina Antiaging.

Qual è quindi la novità per gli allievi del corso di laurea di Medicina a Ferrara?

Scoprire che per star bene e in salute non bisogna rinunciare a piatti golosi e far diete sterili e poco sostenibili, la vera rivoluzione sta nel riformulare con le dovute basi scientifiche i piatti della tradizione garantendo al paziente soddisfazione e benessere.

Il metodo studiato da dodici anni dalla dott.ssa Chiara Manzi è il metodo Cucina Evolution, una cucina che basandosi sulle tradizioni punta all’evoluzione migliorando gusto e proprietà benefiche: spazio quindi a Carbonara, Lasagne, Tiramisù, Crostate. Un sogno che diventa realtà o per dirla come il Sole 24 Ore “un miracolo tutto italiano della nutrizione capace di realizzare un tiramisù con il mascarpone e con meno zuccheri di una mela o una carbonara con il guanciale ma eterea in termini di calorie” (27/03/20017 – Articolo di Donata Marrazzo)

Durante la lezione a Ferrara la dott.ssa Chiara Manzi mette a confronto la Carbonara Evolution (la cui ricetta è stata certificata per la sicurezza nutrizionale garantita dopo anni di studio con un pool di chef) con una zuppa di Riso Integrale e Lenticchie.

Due piatti che messi a paragone porterebbero alla vittoria per il gusto alla carbonara e per il benessere alla zuppa. La dott.ssa Chiara Manzi invece sfaterà questo mito parlando di riformulazione dei piatti della tradizione eno-gastronomica italiana grazie alla regola del More&Less, più fibre e vitamine e meno grassi, zuccheri e sale.

Il futuro quindi sarà fatto di medici chef?

Di certo i medici di domani avranno una consapevolezza maggiore su come ridurre malattie cardiovascolari e diabetiche imparando a mangiare meglio piatti BuoniDaVivere!

Leave a comment