Gli italiani: tra dieta e ristorante, alla ricerca del benessere

Oltre 2 italiani su 3 dichiarano di essere a dieta. Sapevi che è il numero più alto in Europa?

Nello stesso tempo, il 25% degli italiani va al ristorante almeno una volta alla settimana.

L’esigenza di queste persone è evidente: vogliono trovare un ristorante che sappia coniugare una proposta gustosa, soddisfacente al palato con piatti nutrizionalmente bilanciati, che non vanifichino tutti gli sforzi fatti nel seguire una corretta alimentazione a casa.

Inoltre, queste persone sono attente e preparate in ambito alimentare. Sanno riconoscere le ricette con troppi zuccheri, i fritti troppo unti, dichiarano di voler limitare i carboidrati, in alcuni casi gli zuccheri, spesso il sale. Cercano prodotti naturali, senza coloranti e additivi, desiderano tornare alle ricette semplici, conosciute, che fanno stare bene.

Si apre in questo modo un nuovo mercato per gli operatori del settore food: saper rispondere alle esigenze di questo crescente numero di consumatori può fare la differenza.

E tu come ti poni nei confronti di questi nuovi, possibili, clienti del tuo locale?

Nel tuo ristorante offri le risposte giuste?

Gli italiani non si accontentano più di andare al ristorante e non mangiare il pane, limitare le salse, evitare il dolce.

La prima regola condivisa da chi segue una dieta e va al ristorante è molto chiara: scegliere un ristorante che proponga cibi sani.

La soluzione per te c’è, ed è quella proposta dall’approccio nutrizionale introdotto da Cucina Evolution Academy.

Molti chef, pasticceri e nutrizionisti che hanno frequentato le passate edizioni del Master in Culinary Nutrition hanno già sfruttato questa opportunità, creando ex novo o rivisitando ricette che hanno ottenuto la certificazione Cucina Evolution, il primo marchio in Italia di Qualità Nutrizione Garantita!

Per conoscere di più sul Master in Culinary Nutrition e avere l’opportunità di certificare le proprie creazioni culinarie o addirittura un intero menù, contattateci cliccando qui.

Leave a comment