Solo buono o fa anche bene? La Cioccolata Calda Evolution

Ecco la domanda che da oggi devi farti e devi fare. Entra in cucina con la Culinary Nutrition e trasforma i piatti della nostra tradizione in elisir di lunga vita.

 

La cioccolata calda buona da vivere

Con il freddo invernale il corpo inizia ad aver bisogno di più energia. Iniziano i primi malanni stagionali, si trascorre più tempo in casa e qualche coccola culinaria in più è sempre gradita.

La regina delle golosità invernali è sicuramente la cioccolata calda. Ma dove nasce? Probabilmente le sue origini risalgono ai Maya che ai loro tempi preparavano una bevanda chiamata “Xocoatl” a base di semi di cacao tostati e macinati assieme ai fagioli ed uniti ad acqua e pepe.

Tale  bevanda però non riscuoteva molto successo in Europa, e la ricetta della cioccolata che oggi gustiamo deriva da quella azteca che prevedeva l’impiego di cioccolato, vaniglia e altre spezie, dalla consistenza di insieme densa come il miele.

Secondo alcune teorie la bevanda nei secoli ha subito diverse variazioni giungendo ai giorni nostri, con una ricetta semplice, a base di soli due ingredienti: cacao e latte. Pare poi che furono gli inglesi a sostituire l’acqua con il latte, mentre gli spagnoli cominciarono a prepararla calda e zuccherata.

Tuttavia, per mantenere l’aroma della ricetta antica e per gustarla al meglio, la si può preparare con aggiunta di spezie a piacere tra vaniglia, cannella e peperoncino, che ne esaltano l’aroma e ne arricchiscono il gusto semplice di base.

In commercio troviamo diversi preparati in polvere ai quali bisogna aggiungere solo il latte o l’acqua. Ma oltre ad essere buoni, faranno anche bene?

Con la culinary nutrition, è possibile realizzare una cioccolata calda in 3 B: bella, buona e che fa bene. Potremo gustarla senza sensi di colpa, il nostro umore migliorerà e il cuore ne beneficerà.

 

Buono da vivere perché?

Un cremoso dessert con gli zuccheri di 30g di more e le calorie di un vasetto di yogurt alla frutta. Il dolce più semplice e più goloso dell’immaginario collettivo da oggi diventa una coccola quotidiana grazie alla collaborazione dei nutrizionisti in cucina evolution con la Pastry Chef Sandra Bianchi.

Questa golosa crema è stata preparata con il latte di riso in modo da beneficiare appieno dei polifenoli del cacao, altrimenti inattivati dalla caseina presente nel latte.

 

Cioccolato al latte? no, grazie!

Come appena detto a causa del latte e, in particolar modo della caseina, i benefici dei polifenoli vengono neutralizzati perché la caseina ne impedisce l’assorbimento intestinale. Inoltre il cioccolato al latte ha più zuccheri e meno fibra. Il cioccolato bianco addirittura è nemico del cuore. Ricchissimo di zuccheri semplici, non contiene cacao, ma burro di cacao che ha un alto contenuto di grassi saturi, nemici del cuore.

 

Polifenoli, amici del cuore.

Ricco di polifenoli e minerali, il cioccolato fondente aiuta ad abbassare colesterolo e pressione.

Bastano 5g al giorno di cioccolato fondente, corrispondente ad un quadratino, (almeno al 70%) e il nostro cuore ci ringrazierà.

Ma non solo. Il cioccolato fondente protegge dal diabete. È ricco di minerali, come magnesio, che fa bene all’umore, fosforo e ferro. Contiene fibre e vitamine B1 e B2.

 

 

Procedimento:

·         Mescola tutte le polveri

·         Aggiungi poco per volta il latte di riso a freddo

·         Metti sul fornello, aggiungi il cioccolato e porta ad ebollizione mescolando continuamente.

·         Lascia sobbollire mescolando fino alla densità desiderata.

 

 

Cioccolata calda

www.ricettedalmondo.it
Cioccolata calda  Evolution

Tratto da Cucina Evolution buona da vivere

Ingredienti per 1 porzione

250g latte intero fresco

50g cioccolato fondente

1 cucchiaio cacao amaro (in polvere)

1 cucchiaio raso di zucchero (semolato)

mezzo cucchiaio di fecola di patate ( amido di mais)

 
Ingredienti per 1 porzione

130g latte di riso

15,5g cacao amaro

9g eritritolo a velo

5g cioccolato fondente 70%

2g amido di mais

2g amido di riso

 

Valori nutrizionali per una porzione

Proteine                     13,5 g

Grassi                        28,4 g

Carboidrati                53,04g

Fibra                          4g

Energia                      508,5 Kcal

Valori nutrizionali per una porzione

Proteine               4g

Grassi                  5g

Carboidrati           36g

di cui zuccheri      3g

Fibra                     6g

Energia               143 Kcal

 

 

Laura Onorato

Farmacista e Nutrizionista biologa

Diplomata in nutrizione culinaria

Leave a comment