Promossi o bocciati – Le Camille Mulino Bianco

A cura di Alma Battaglia

Oggi l’industria alimentare è sicuramente più attenta al benessere del consumatore. Per questo motivo alcuni brand famosi hanno deciso di modificare e migliorare a livello nutrizionale le loro ricette. La Mulino bianco ad esempio ha sviluppato la linea verde che comprende una varietà di prodotti quali fette biscottate, cracker, panetti, merendine e biscotti. La ricetta riformulata è senza olio di palma che viene sostituito dall’ olio di girasole mantenendo invariati gli altri ingredienti.scarica-pdf

Ma siamo sicuri che l’assenza dell’olio di palma sia una certezza di qualità?

Decido quindi di andare al supermercato e comprare quelle deliziose tortine di Carote, le Camille , che appartengono a questa nuova linea.

Se ci soffermiamo alla confezione leggiamo:

“Le Camille sono preparate con ingredienti semplici e ricchi di gusto come le Carote, le Mandorle e il Succo d’Arancia. Sono ideali per il Tuo benessere quotidiano grazie al ricco apporto di fibre.
Così c’è più gusto nel Tuo Benessere!”

Il claim rispecchia proprio quello che cerco : un prodotto buono , privo di grassi saturi e ricco in fibra, quello che ci vuole per mantenersi in forma!

Chi non acquisterebbe quindi un prodotto con tali caratteristiche che ricorda la torta della nonna fatta con ingredienti naturali e semplici??

Analizzo l’etichetta nutrizionale che possiamo paragonarla alla ‘’carta d’identità’’ del prodotto. La lettura degli ingredienti è molto semplice, sono scritti in ordine decrescente (dal più abbondante al meno abbondante ): Zuccherofarina di frumentouova freschecarote 14,1%, amido di frumento, mandorle 7,1%, fibra solubile: oligofruttosio 5,1%, olio di semi di girasoleburro, emulsionanti: mono- e digliceridi degli acidi grassiaromi (frutta a guscio), succo d’arancia 1,1%, agenti lievitanti(difosfato disodico, carbonato acido di sodio, carbonato acido d’ammonio), salemaltodestrina da patata.

Al primo posto in etichetta troviamo lo zucchero , e la presenza di maltodestrine da patata , un comune additivo appartenente alla grande famiglia degli zuccheri utilizzato comunemente dall’industria. Se ci soffermiamo anche sul quantitativo di carboidrati notiamo che una merendina da 38 gr contiene 19,3 gr di carboidrati di cui la metà sono zuccheri. Questa è una nota dolente del prodotto .

Successivamente controllo il quantitativo di grassi e noto che oltre all’olio di girasole è presente il burro. Sicuramente è una buona scelta la sostituzione del grasso di palma , costituito dal 47 % di grassi saturi e da grassi trans entrambi dannosi per la salute cardiovascolare, con l’utilizzo di sostituti come l’olio di girasole che contiene solo 11% di grassi saturi e del burro che, pur contendo di grassi saturi , non contiene grassi trans dannosi per la salute. Buona la scelta del burro che assieme alla panna e allo strutto se presenti in piccole quantità sono da preferire a margarina, olio di colza, olio di cocco e di karitè.

Non male il quantitativo di fibra di 2,3 gr per porzione . La fibra ci aiuta a soddisfare il senso di sazietà e soprattutto di mattina ci consente di mantenere una glicemia più stabile che, associata ad una buona colazione costituita da latte o yogurt magro ed un frutto , ci permetterà di arrivare a pranzo senza ricorrere ad uno spuntino.

Nel complesso devo dire che il prodotto in termini di grassi è stato sicuramente migliorato, suggerirei all’azienda di lavorare sulla riduzione del quantitativo di zucchero perché la Camilla potrebbe essere un ottimo dolce industriale ricco di Pro Vitamina A .

Se non vogliamo rinunciare alla deliziosa Camilla grazie agli chef dell’Accademia di Nutrizione Culinaria possiamo fare a casa la Torta di Carote bella , buona e che fa bene!

Se paragoniamo i valori Nutrizionali notiamo

 

Valori Nutrizionali per una porzione Camilla Mulino Bianco Torta di Carote Evolution
Energia 149 kcal 173 kcal
Proteine 2,4 g 4 g
Lipidi 6,5 g 7 g
Carboidrati 19,3 g 23 g
Di cui zuccheri 10,3 g 7 g
Fibra 2,3 g 3 g

 

More & less

Meno zuccheri grazie all’utilizzo dell’eritritolo  un dolcificante naturale prodotto a partire dalla fermentazione degli zuccheri presenti nella frutta e in altri alimenti di origine vegetali. Più vitamine grazie alla vitamina E delll’olio extra vergine di oliva potente antiossidante che ci protegge dall’invecchiamento cellulare.  Più fibre grazie all’inulina una fibra vegetale di tipo solubile che si estrae naturalmente dalla cicoria. Con questa ricetta possiamo quindi concederci una fetta di dolce ogni giorno senza sensi di colpa !

Scarica il pdf gratuito del Journal e scopri come realizzare la Torta di carote Evolution!

 

 

 

 

 

 

Leave a comment