Quando la Pizza Non è Più una Bizza: Dimagrire con il Food Patrimonio dell’Umanità, Ora si Può. (Demo)

Alta e soffice o sottile e croccante?

Lunga o breve lievitazione?

Forno a legna o forno elettrico?

Bianca o rossa?  

Giulio Cesare diceva “De gustibus non disputandum est” ma su una cosa siamo concordi, se vogliamo restare in linea e giovani con la Pizza dobbiamo sceglierla Evolution.

Una pizza bella, buona e che fa bene così come insegna la prima Accademia Europea di Culinary Nutrition, Art joins Nutrition Academy, fondata dalla Dott.ssa Chiara Manzi, dove esperti e appassionati del mondo del Food si iscrivono per imparare a cucinare e pensare in maniera sana ma senza rinunciare al gusto e alla tradizione; una realtà che non posso che confermare essendo una dei diplomandi della 30 esima edizione del Master in Culinary Nutrition.

Mi chiamo Poli Federica e sono Dott.ssa in Scienze Gastronomiche.

Durante il secondo modulo del Master lo Chef e Pizzaiolo Gianfranco Capalbi  ci ha insegnato come realizzare un impasto per pizza con più fibre, meno grassi e meno zuccheri ma con ancora più sapore di una pizza -non Evolution-, dimostrandoci che è possibile rimanere in linea con gusto, concept alla base di tutta la Cucina Evolution.

25360654_1142416305895355_1294008185_n

Inoltre abbiamo visto com’è possibile ridurre lo sviluppo in cottura dell’acrilammide, potente cancerogeno responsabile del colore bruno sugli alimenti, tenendo d’occhio le temperature e utilizzando tempi di cottura più lunghi, migliorando ulteriormente l’aspetto nutrizionale e salutistico. 

E se siete come San Tommaso, “Se non vedo non credo”, allora non vi rimane che prenotare un tavolo al ristorante “La Locanda di Pietro” (RM) dello Chef Roberto Cipolla. 

Federica Poli