Il licopene: il carotenoide che rende il ragù un amico della nostra pelle (Demo)

Sappiamo tutti che la nostra pelle ha bisogno di essere protetta e nutrita nel modo corretto. Ciò è vero ancora di più in estate, quando la pelle è più esposta ai raggi ultravioletti del sole. Quello che non tutti sanno è che alcuni alimenti possono aiutare a nutrire la pelle adeguatamente e in modo molto più efficace rispetto alle solite creme. Ciò è dovuto al fatto che mentre le creme agiscono dall’esterno, gli alimenti, agendo dall’interno, riescono a penetrare nelle cellule della nostra pelle proteggendole dall’invecchiamento e dall’azione dei radicali liberi.

Banner-scopri-master-A

Una sostanza che è in grado di contrastare efficacemente i radicali liberi provenienti dai raggi ultravioletti del sole è il licopene. Si tratta di un carotenoide contenuto principalmente nei pomodori rossi e in misura minore nel cocomero, nella papaya e nel pompelmo rosa.

Studiando la Culinary Nutrition, la branca della nutrizione che studia come cucinare e combinare gli alimenti, si scopre che per aumentare la biodisponibilità del licopene sono necessari due accorgimenti. In primo luogo, è necessaria una cottura prolungata: essa, infatti, riesce a spezzare la struttura chimica complessa del licopene, rendendolo più attivo a livello cellulare. In secondo luogo, bisogna sapere che il licopene è una sostanza liposolubile e che, quindi, senza grassi non viene assimilata dal nostro organismo. L’abbinamento del licopene con l’olio extravergine di oliva rende quindi molto più efficace l’azione di questa sostanza. Inoltre, la vitamina E presente nell’olio di oliva è in grado di potenziare l’azione antitumorale di questo carotenoide.

Via libera quindi a un buon ragù, piatto caratteristico della nostra tradizione. Scegliendo dei tagli di carne magra, utilizzando la giusta quantità di olio extravergine di oliva e con una cottura prolungata otterremo qualcosa di molto più efficace di una crema antirughe. Partecipando al Master in Culinary Nutrition organizzato dall’Art joins Nutrition Academy, cuochi e nutrizionisti imparano ad abbinare gli alimenti, a dosare le giuste quantità degli ingredienti e ad utilizzare i metodi di cottura che meglio preservano i principi nutritivi per dar vita a piatti belli, buoni e che fanno bene.

Post Correlati