Quel pizzico di curcuma e pepe nero che ci regala il benessere (Demo)

Sono ormai numerosi gli studi scientifici che hanno dimostrato le proprietà benefiche della curcuma, la spezia che dà al curry il suo inconfondibile colore giallo. Un consumo giornaliero di solo un quarto di grammo di curcumina, il polifenolo contenuto nella Curcuma Longa, è in grado di abbassare i livelli di colesterolo nel sangue, inibire la formazione delle cellule grasse nel corpo e rallentare l’invecchiamento delle cellule celebrali.

Banner-scopri-master-A

Al Master in Culinary Nutrition, corso di aggiornamento per cuochi e nutrizionisti, si studia però che l’assorbimento della curcuma a livello intestinale è molto basso e che il suo abbinamento con il pepe nero è una soluzione vincente in quanto la piperina del pepe nero stimola i villi intestinali ed aumenta l’assimilazione della curcumina di circa duemila volte. Anche in questo caso, quindi, ci viene in aiuto lo studio della Culinary Nutrition, la branca della nutrizione applicata alla cucina che studia le tecniche migliori per cucinare, dosare e abbinare gli alimenti in modo tale da mantenere tutti i loro principi nutritivi.

Poiché la curcuma non ha un sapore particolarmente marcato, è possibile aggiungerla a molte delle nostre ricette: dalle uova al pesce, dal sugo di pomodoro alle impanature delle fritture. L’utilizzo della curcuma e del pepe nero nelle impanature è un ottimo modo per arricchire di benessere antiaging alcuni piatti tipici della tradizione italiana, tra i quali la cotoletta alla Milanese. Un’impanatura realizzata con farina, pan grattato e un solo albume sbattuto con la curcuma ed il pepe nero ci permette di mantenere il gusto e il colore della classica impanatura e di eliminare i grassi saturi del tuorlo.

Con un corso di aggiornamento professionale svolto all’Art joins Nutrition Academy, i professionisti del food e della salute possono approfondire le tematiche relative ai giusti abbinamenti tra gli alimenti. Durante le lezioni teoriche e pratiche, chef e nutrizionisti potranno lavorare in sinergia e trovare le perfette soluzioni per portare in tavola piatti in cui gusto e benessere possano convivere in armonia

Post Correlati